Per Palacio de Oriente il mare è la principale fonte naturale di approvvigionamento delle risorse attraverso la pesca, l’acquicoltura e la molluschicoltura. È quindi imprescindibile rispettare le norme di organizzazione e regolazione dello sfruttamento delle risorse marine, evitando situazioni di pesca eccessiva che possano mettere in pericolo l’equilibrio biologico dell’ambiente.

Il 100% dei mitili prodotti a Palacio de Oriente provengono dagli allevamenti di bateas, zattere galleggianti, posizionate lungo tutto il litorale gallego. È per questo che promuoviamo la acquicoltura, per garantire il rinnovamento continuo delle risorse senza impoverire i banchi naturali di certe specie.



Sulle confezioni di Palacio de Oriente dell’Alalonga, del Tonno Bianco e del Tonno troviamo il distintivo “DOLPHIN SAFE”, che garantisce l’uso di sistemi di pesca non nocivi per i delfini.

Non tutti i Tonni sono uguali…

I tonnidi comprendono fino a sette specie differenti, saperli differenziare vi aiuterà a scegliere meglio le conserve e ad apprezzare i vantaggi che offre ciascuna specie.

Palacio de Oriente elabora una gran varietà di preparati a partire da tre specie di tonnidi:

Tonno Bianco (Thunnus Alalunga)

È la specie più apprezzata della famiglia dei tonnidi. Si caratterizza per la carne bianca, grassa, tenera e saporita. L’ideale è degustarla sola o accompagnata da sapori non troppo forti.

È un pesce con il corpo robusto, di colore azzurro scuro e la pinna caudale è caratterizzata da un orlo chiaro.

Tonno Pinna Gialla (Thunnus Albacares)

È una delle specie più consumate all’interno del mondo delle conserve. La sua carne è rosata, meno delicata di quella dell’Alalonga e con un sapore più intenso. È l’ideale come ingrediente in moltissime ricette.

È anche conosciuto come Yellowfin, a causa del color giallo delle sue pinne. È un pesce dal corpo robusto, di color azzurro scuro, la pinna caudale non ha un orlo bianco e le pinne sono molto sviluppate.

Tonnetto Striato (Katsuwonus Pelamis)

La carne è molto scura e il sapore molto intenso. È anche conosciuto come Skipjack per le strisce o striature che presenta sulla zona dell’addome. Si tratta di un pesce più piccolo rispetto all’Alalonga e al Tonno Bianco, non superando i 5 kg.

Marea Rossa

Questo fenomeno naturale chiamato Marea Rossa è la combinazione di vari fattori come la temperatura dell’acqua, la salinità, la luminosità, disponibilità di nutrienti, maree e venti che ne favoriscono sia la concentrazione che la proliferazione. Tutto ciò provoca la crescita eccessiva di un tipo di alga che produce una tossina, creandosi qualcosa come una “esplosione biologica”.

La Marea Rossa causa notevoli danni e perdite all’acquicoltura poiché, durante i periodi acuti di questa marea, non è possibile estrarre i molluschi dalle zone colpite.

Il problema è che i molluschi, sia quelli di allevamento (principalmente mitili e ostriche) che quelli che vivono parzialmente o interamente sotto la sabbia (canestrelli, cuori di mare, vongole, cannolicchi, ecc.), si nutrono filtrando l’acqua di mare e quando la marea rossa produce le tossine, il mollusco filtra queste tossine e le alghe che le producono.

Un esempio perfetto sono gli allevamenti di mitili che sono composti da gruppi di bateas lungo il litorale gallego, alla ricerca di acque ricche di minerali e nutrienti. Durante lunghi periodi di tempo le bateas vengono chiuse fino a quando la continua filtrazione dell’acqua diminuisca suddetti livelli e la pulisca completamente.

Galicia è leader a livello mondiale nel controllo delle tossine con il fine di fornire al consumatore un prodotto completamente sicuro. È per questo che realizza una doppia analisi dei molluschi e dell’acqua di mare. Grazie a questo doppio sistema e a un rigoroso protocollo d’azione, riesce a mettere sul mercato un prodotto sicuro al 100%.

Impegno per la sostenibilità

Al fine di garantire la sostenibilità delle forniture di pesce, la società impedirà attivamente qualsiasi tipo di pesca illegale e sarà in grado di fornire l'origine di tutte le partite di pesce immesse sul mercato. Ammetterà solamente forniture provenienti da imbarcazioni autorizzate nei registri delle Organizzazioni Regionali di Pesca (OROPs) e che sono contrassegnate da paesi membri di OROPs (o collaboratori, nel caso in cui non sia possibile l'adesione), o che abbiano applicato per le imbarcazioni tale status. La società inoltre fornirà sostegno e riconoscimento alle migliori pratiche di pesca ed ai sistemi di controllo della flotta e della gestione degli impatti:

  • Escludendo forniture di pesce che hanno subito trasbordi in alto mare, ed esigerà la garanzia da parte dei suoi fornitori che il pesce offerto non provenga da questi trasbordi.
  • Escludendo imbarcazioni non impegnate nella totale conservazione di tutti i tonni catturati (ad eccezione di quelli che non possono essere destinati al consumo umano), o che pratichino qualsiasi attività di mutilazione degli squali vivi.
  • Fornendo tonno catturato con imbarcazioni a circuizione di grandi dimensioni le quali hanno un monitoraggio continuo della loro posizione mediante VMS, così come la presenza di un osservatore, umano o elettronico, per tutta la loro attività di pesca.
  • Impegnandosi a fornire tonno da pescherecci che utilizzano FAD con l'obiettivo di minimizzare le catture accidentali.
  • Vietando la fornitura di tonno catturato nelle attività di pesca in cui esiste la prova di utilizzo di esplosivi e veleni.
  • Impegnandosi a fornire tonno pescato da imbarcazioni immatricolate nel Proactive Vessel Register (PVR).